Pubblicato in: United Kingdom

Viaggiare ai tempi del coronavirus part III: volo Italia – Uk

Viaggiare non è mai stato così complicato, almeno per quanto io possa ricordare. Dopo la preparazione del viaggio Uk-Italia, di conseguenza, c’è quello Italia-Uk. Di seguito tutti i dettagli per chi come me deve affrontare questo viaggio. Compagnia aerea, requisiti, test da prenotare, test to release etc.

La compagnia aerea con la quale ho viaggiato per il mio volo Napoli – Londra è stata di nuovo British Airways. Devo dire che, questa volta, sono rimasta piacevolmente colpita dall’efficienza e la puntualità. Il volo era semi vuoto perché, giustamente, essendo l’Italia ancora considerata Amber non ci sono turisti che si avventurano e spendono una fortuna per visitare l’Inghilterra. Sarà stato anche il fatto che il mio volo era di martedì mattina. Il volo andata e ritorno con BA è costato poco più di £150 compreso una valigia da 23kg. Vi ricordo che, attualmente, la BA è la più conveniente per quanto riguarda il discorso bagaglio. Si può portare a bordo un bagaglio piccolo più uno zaino-borsa, senza nessun costo aggiuntivo.

Come per l’andata, BA manda una mail circa 72h prima del volo per assicurarsi che ogni passeggero sia a conoscenza delle regole per entrare in Uk. Si possono caricare direttamente tutti i documenti necessari oppure fare il check-in in aeroporto. Questa volta ho optato per questa opzione. In aeroporto controllano il passenger locator form, il covid test effettuato entro 72h prima del volo e l’acquisto del kit per i tamponi. Di seguito vi spiegherò nei dettagli cosa non dovete assolutamente dimenticare. Ricordatevi che viene controllato tutto prima del check-in, online o in aeroporto. Difficilmente fanno imbarcare un passeggero senza tutti i documenti precisi. C’è il rischio di non riuscire ad entrare in Uk una volta atterrati.

Volo Italia – Uk: tutti i documenti necessari per il viaggio

Come tutti ormai saprete, qualunque sia il colore del vostro paese dovete completare il Passenger Locator Form. Lo si può fare fino a 48 h prima dell’ingresso in Italia. È molto semplice, basta inserire tutti i documenti, l’indirizzo in cui si farà la quarantena (tutti quelli che entrano dall’Italia devono farla), numero di telefono in cui si può essere contattati e, in questo caso, anche il numero di prenotazione del kit per i covid test da fare il giorno 2 e 8 dell’isolamento (mi raccomando questo è molto importante è stato controllato sia in Italia che in Uk all’arrivo).

Vi consiglio di acquistare il kit per i covid test almeno cinque giorni prima della vostra partenza, in questo modo potrete risparmiare un po’. Inizialmente i prezzi erano esorbitanti, adesso, con circa £100 si riesce a comprare un kit. La lista completa la trovate sul sito del governo. Io mi sono affidata a Project screen. Tutto super in orario. Kit ordinato cinque giorni prima, arrivato il mio primo giorno di isolamento. Tampone del secondo giorno spedito la mattina del giorno stesso. Risultati ricevuti il giorno seguente nel pomeriggio.

Per entrare in Uk c’è anche bisogno di un covid test effettuato fino a 72h prima del volo. Ricordatevi le seguenti informazioni:

  • Va bene un test rapido antigenico con risultato ottenuto in 15 minuti
  • La certificazione deve essere ASSOLUTAMENTE in inglese
  • La certificazione DEVE contenere le seguenti informazioni in inglese: nome del passeggero, numero del documento, data di nascita (oppure l’età), esito negativo, come è stato effettuato il tampone (queste informazioni vengono controllate prima di fare il check-in. Il mio certificato non aveva il numero di passaporto, ho dovuto richiamare il laboratorio a cui mi ero affidata per farmi mandare urgentemente un nuovo pdf con il numero del mio documento).

(Per chi fosse della zona di Avellino io sono andata al Laboratorio Gaeta. Molto efficienti e veloci, soprattutto nel darmi il risultato ed il certificato in inglese. Costo 20 euro).

Volo Italia – Uk: Day 5 test to release

Avendo fatto la quarantena in Uk già due volte (questa è la mia terza) ed avendo esigenze di uscire ho deciso di optare per il Day 5 test to release. Credo che sia davvero molto ingiusto far spendere altri soldi e credo vivamente che un test prima di partire ed uno fatto il secondo giorno siano più che sufficienti, soprattutto, provenendo da un paese dove i casi sono attualmente di meno rispetto a quelli in Inghilterra.

Se come me decidete di optare per questa soluzione dovete indicarlo sul passenger locator form. Non vi verrà chiesto il numero di prenotazione del test (perché potete prenotarlo anche in un secondo momento) ma il nome della clinica/farmacia alla quale vi affiderete. Io ho deciso di prenotarlo da Boots (costo £85). Anche se mi sembrava strano al momento della prenotazione mi hanno chiesto di indicare il giorno in cui sarei dovuta andare a fare il test nel Boots più vicino. Pensavo che non si potesse fare essendo in isolamento ma, invece, per telefono mi hanno confermato che potevo recarmi da loro per fare il PCR test il quinto giorno del mio isolamento. Così ho fatto.

Consiglio vivamente Boots, prezzo £85, risultato ottenuto in meno di 24h, test effettuato alle 11 am risultato ricevuto il giorno dopo alle 6.30 am. È stato davvero utile in quanto il sesto giorno ero libera.

Somewhere over the clouds

Volo Italia – Uk post Brexit

Nei vari gruppi su Facebook ho letto di persone terrorizzate dal rientro in Uk per via di alcuni articoli di giornale che parlavano di ragazzi trattenuti all’arrivo in Inghilterra. Ammetto che, per la prima volta, mi sono sentita un’immigrata. Al controllo passaporti le domande sono state davvero tante questa volta (al mio ritorno a gennaio non mi hanno chiesto nulla). Le domande sono state le seguenti:

  • Perché sei venuta in Uk
  • Perché sei andata in Italia e per quanto tempo sei stata
  • Che tipo di lavoro svolgi
  • Mi hanno chiesto che tipo di visto ho (ricordatevi che potete scaricare il codice attraverso il quale possono controllare automaticamente il vostro visto. A me non l’hanno chiesto ma spesso è un requisito per mandare l’application per alcuni lavori pur essendo in Uk da cinque anni)
  • Da quanto tempo mi trovo in Uk
  • Dove vivo
  • Perché ero atterrata all’aeroporto di Londa pur non vivendo a Londra (magari ci fosse l’aeroporto a Cheltenham, per di più con voli diretti per Napoli)

Non preoccupatevi, se avete tutte le carte in regola non ci saranno problemi, abbiate solo pazienza a rispondere a qualche domanda in più. Tra covid e Brexit c’è davvero da impazzire!

Volo Napoli – Londra

Volo Italia – Uk: tips for your trip

Il mio consiglio è quello di viaggiare preparati, informatevi sempre, può darsi che tra qualche giorno le cose cambino e le informazioni contenute in questo articolo non siano più valide. Comunque, vi lascio qualche consiglio vista la mia esperienza

  • Assicuratevi che la certificazione in inglese per il tampone effettuato in Italia contenga tutte le informazioni necessarie come sopra elencato. Ho sentito di persone che non sono riuscite a partire.
  • Informatevi bene su quali sia i requisiti della compagnia aerea che avete scelto. Una mia amica ha viaggiato con Ryanair e non le hanno accettato il test antigenico rapido. A quanto pare, anche se non si capisce il perché, accettano solo il PCR ma ricordatevi che sia l’Italia che l’Uk accettano il rapid antigen test!
  • Scegliete attentamente il kit da comprare. Ci sono alcuni enti che offrono i kit a £80 ma hanno delle review non molto positive. Non abbiate fretta ma, compratelo almeno cinque giorni prima dal vostro viaggio.
  • Tenete sempre d’occhio il telefono quando siete in auto isolamento. A me hanno chiamato tutti i giorni. Una volta anche due volte (una volta sul numero primario e la seconda sul numero secondario). Hanno continuato a chiamarmi anche dopo il test to release.
  • Prima di andare ad imbucare i vostri kit consultate sul sito della Royal mail quali sono le buche con il simbolo Priority, in questo modo, il ritiro sarà sicuramente veloce. Inoltre, potete consultare gli orari di ritiro della posta alle diverse buche

Per qualunque domanda potete lasciare il vostro commento sotto il post e buon viaggio 😊

2 pensieri riguardo “Viaggiare ai tempi del coronavirus part III: volo Italia – Uk

  1. Ciao, innanzitutto grazie mille di tutte le info! Terrò questo blog salvato nel caso l’Italia verrà lasciata nell’’amber list ancora per molto. Ti volevo giusto chiedere una cosa riguardo il test da effettuare il 5 giorno per ridurre la quarantena. È possibile farlo di propria spontanea volontà o deve essere richiesto dal datore di lavoro?
    Grazie mille in anticipo per la risposta.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...